Il diamante, la pietra regina

Il diamante nasce miliardi di anni fa, in condizioni veramente eccezionali, ossia quando le forze naturali di calore e pressione trasformarono il carbonio, di cui è composto, in gemma.

Diamante brillanteLa massa vulcanica in cui avvenne la cristallizzazione, salì e irruppe attraverso la crosta terrestre, raffreddandosi in lamproite e kimberlite.

Ed è appunto in queste rocce vulacaniche che si trovano la maggior parte dei diamanti.

Da antichi testi risulta che in India, nel IV secolo a.C. si commerciassero diamanti e fino al 1700 rimase l’unico produttore.

Il nome deriva dal greco, “Adamas” ossia invincibile, sebbene i greci credevano fossero frammenti di astri caduti sulla terra oppure lacrime degli Dei.

I romani li utilizzavano ad esempio come talismani.

Il diamante è una gemma rara perchè il processo di fuoriuscita dalle profondità alla superficie spesso è rischioso, oltra alla condizione di temperature e pressioni altissime per nascere (circa 4000 gradi centigradi).

Di tutta la produzione poi, solo il 30% è di qualità gemmifera da poter essere usato in gioielleria, il resto viene destinato alle industrie.

Per ottenere una quantità relativamente piccola di pietre non è semplice, e approsivativamente devono essere estratte e lavorate 250 tonnellate di roccia vulcanica per ottenere un diamante da gemma di un carato di buona qualità.

Dai tempi più antichi i diamanti sono stati associati all’amore, poichè anche il significato del nome suggerisce l’eternità del sentimento, ed ecco che nasce il gioiello prediletto: il solitario.

La tradizione vuole che il primo anello di fidanzamento con un diamante giunse solo nel 1477, quando l’arciduca Massimiliano d’Austria donò un anello con diamanti a Maria di Burgundia.

Inoltre il diamante è stato indossato come simbolo di forza e potere dai sovrani.

Vuoi comprare dei diamanti? Contattaci.

Dove vendere dei diamanti? Chiamaci.